Le Artriti Sieronegative

 
 

Una visione d'insieme

Dr. Roberto Gorla

Le spondilo-artriti sieronegative, caratterizzate dalla assenza nel siero del fattore reumatoide, sono un gruppo eterogeneo di malattie reumatiche infiammatorie, caratterizzate da segni clinici che le distinguono dall’Artrite Reumatoide (AR). Tra questi sono caratteristici: il coinvolgimento infiammatorio dello scheletro assiale (colonna vertebrale e articolazioni sacro-iliache), l’artrite asimmetrica, le entesiti e la presenza di altre condizioni nosologiche non reumatiche come la psoriasi, le malattie infiammatorie intestinali, le infezioni (uretrite, cervicite) e le uveiti.
Sono classificate tra le spondilo-artriti sieronegative: la Spondilite Anchilosante (SpA), l’Artrite Psoriasica (AP), le artriti para-infettive e la Sindrome di Reiter (SR), le Artriti Enteropatiche (AE). Alcune forme di spondilo-artrite, spesso osservate nelle fasi precoci, non possono essere classificate tra le forme descritte per assenza di elementi anamnestici, laboratoristici o radiologici tipici e vengono quindi definite Spondiloartriti Indifferenziate.
La prevalenza di queste malattie, complessivamente considerate, è simile a quella dell’artrite reumatoide (0.3 – 1.2 % della popolazione) ed è maggiore nei paesi nordici. A differenza dell’AR non incidono maggiormente nel sesso femminile, sono parimenti rilevabili nei due sessi ed esordiscono in soggetti più giovani (picco di incidenza nella terza decade).
Nonostante non siano note le cause delle spondiloartriti croniche, la patogenesi è determinata dalla rottura dell’equilibrio tra produzione di citochine pro-infiammatorie rispetto a quelle anti-infiammatorie. Ciò è dimostrato dalla efficacia clinica dei nuovi farmaci biologici anti-Tumor Necrosis Factor alfa (TNFalfa) nella SpA e nella AP.
La aggregazione familiare dei casi, i rapporti con determinate infezioni e la stretta associazione con l’antigene HLA B27, fanno ipotizzare la presenza di una predisposizione genetica allo sviluppo delle artriti sieronegative.
Il problema maggiore di queste malattie, specialmente delle spondiliti senza artrite periferica, è rappresentato dalla diagnosi tardiva. Infatti il “mal di schiena”, molto frequente nella popolazione generale, viene a lungo sottovalutato dal paziente e dal medico che mette in atto tentativi terapeutici estemporaneamente efficaci (FANS), con conseguente ritardo della diagnosi.
L’anamnesi contribuisce in modo fondamentale al raggiungimento della diagnosi. In presenza di dolore persistente a riposo con rigidità al risveglio del rachide lombare che migliora con il movimento, entesite o oligoartrite periferica non possono essere trascurati elementi anamnestici quali la presenza o la familiarità per psoriasi, le caratteristiche dell’alvo (diarrea), pregresse infezioni mucose urogenitali e infiammazioni oculari.
Tra gli esami di laboratorio possono contribuire ad avvalorare il sospetto diagnostico di spondilo-artrite il riscontro di elevazione degli indici di flogosi come la Proteina C Reattiva (PCR) e del fenotipo HLA B27.
Gli esami radiologici convenzionali possono dimostrare le tipiche calcificazioni e ossificazioni sindesmofitiche del rachide, il rimaneggiamento sacroileitico e gli esiti di entesiti periferiche. Nelle fasi precoci di malattia questi esiti sono tuttavia non ancora osservabili con la radiologia convenzionale. Risutano quindi preziose le informazioni derivanti dalla ecografia dei tendini e del loro sito di inserzione osseo (entesi) e, per le sacro-iliache, la dimostrazione in Risonanza Magnetica (RM) di edema dell’osso sub-condrale a testimonianza di sacroileite.
La diagnosi differenziale delle spondilo-artriti sieronegative comprende numerose e frequenti malattie reumatiche che possono coinvolgere il rachide e le articolazioni periferiche (tabella I).
Ad eccezione delle forme para-infettive (SR), le spondilo-artriti sieronegative tendono alla cronicizzazione e all’instaurarsi di progressiva disabilità sostenuta dalla spondilite tendente alla anchilosi e al possibile intervento di erosioni e deformazioni articolari, specie nella forma psoriasica. Le entesiti e le tenosinoviti che caratterizzano queste condizioni sono generalmente meno sensibili alla azione dei corticosteroidi e dei convenzionali farmaci anti-reumatici (Methotrexate, Sulfasalazina, Ciclosporina, Leflunomide) rispetto all’AR. Risultano clinicamente più efficaci, rispetto all’AR, i farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) che non sono tuttavia in grado di modificare il decorso del danno anatomico osteo-articolare. La rieducazione funzionale e l’adozione di abitudini di vita che comprendano la costante esecuzione di esercizio fisico sono indispensabili per conservare la funzionalità del rachide.